Mettersi in proprio

Pensi di avere una buona idea e vorresti metterti in proprio… ma non sai da dove cominciare? 

Il primo passo per chi decide di mettersi in proprio è quello di interrogare sé stessi, mettere a fuoco i propri obiettivi, soppesare le proprie passioni, nonché le conoscenze e le competenze che si potranno mettere in campo nella futura attività….

Abbiamo le giuste motivazioni? Abbiamo le giuste competenze?

L’idea imprenditoriale deve essere ora meglio definita. A questo scopo dobbiamo dare una risposta a tre fondamentali domande:

• a chi vendere ► quale mercato;

• cosa vendere ► quale prodotto o servizio;

• come produrre ► con quali strumenti e conoscenze tecniche.

L’idea d’impresa è buona? 

Per esserne certi bisogna costruire un progetto d’impresa, che è composto da tre parti fondamentali:

• la prima parte, di carattere introduttivo e descrittivo del proponente (professionalità, soft skills, motivazioni);
• la seconda parte, di carattere tecnico-operativo (il prodotto o il servizio, il processo di produzione e i mezzi strumentali, l’ambiente: concorrenti, fornitori, intermediari commerciali ecc., il mercato di sbocco, la struttura aziendale: forma giuridica, numero addetti, organizzazione, localizzazione ecc.);
• la terza parte, di carattere quantitativo-monetario ( investimenti, finanziamenti,  reddito, flussi di cassa). In pratica occorre fare il bilancio dell’impresa prima ancora di essere effettivamente partiti..

Consulta inoltre i seguenti articoli:

https://www.infofranchising.it/category/aprire-una-attivita/

https://www.aprireinfranchising.it/franchising-list

https://www.azfrancising.com

https://www.affarimiei.biz/lavoro-e-formazione/che-lavoro-fare

https://www.accademiamontagna.tn.it/mestieri-di-montagna%E2%80%A6di-ieri-e-di-oggi

Indice

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Guide

Potrebbe interessarti anche

Perché vuoi lavorare qui?

Questa domanda ha lo scopo di sondare la motivazione che ti spinge a candidarti per quell’azienda per verificare se si tratta di un semplice “mi serve un lavoro” oppure “voglio fare QUESTO lavoro!”