Non ho voglia di tornare in ufficio. come combattere la pericolosa comfort zone del lavoro casalingo

La Fase Due dell’emergenza sanitaria ha presentato e continua a presentare molte sfide. La principale è quella di richiamare i lavoratori in ufficio, i quali sono stati costretti a sperimentare una forma primitiva di smart working nel periodo di lockdown. Nonostante tutte le problematiche che questo “lavoro da casa” ha fatto emergere, molti lavoratori hanno trovato in questo una nuova confort zone, che renderà difficile la ripresa del ritmo lavorativo pre Covid-19. 

Proprio in questo scenario, le aziende dovranno adottare due accorgimenti:

  • Potranno dover consentire il vero “lavoro agile”, composto dall’alternanza casa-ufficio, soluzione ottimale anche per ridurre i rischi del contagio;
  • Dovranno adottare un protocollo di sicurezza, tenendo in considerazione non solo gli aspetti giuridici, ma anche quelli psicologici, perché la paura del contagio è ancora alta.

Servirà flessibilità e tolleranza, con l’obiettivo ultimo di tornare alla normalità, rispettando comunque le misure anti Covid-19.

Consulta l’articolo in versione integrale

(https://www.open.online/2020/05/04/non-ho-voglia-di-tornare-in-ufficio-come-combattere-la-pericolosa-comfort-zone-del-lavoro-casalingo/)

Indice

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Guide

Potrebbe interessarti anche

Perché vuoi lavorare qui?

Questa domanda ha lo scopo di sondare la motivazione che ti spinge a candidarti per quell’azienda per verificare se si tratta di un semplice “mi serve un lavoro” oppure “voglio fare QUESTO lavoro!”