Quali sono (e perché) i migliori posti di lavoro per le donne?

Da oltre 20 anni la classifica Best Workplaces in Italia valuta il clima organizzativo nei luoghi di lavoro italiani, promuovendo così l’eccellenza nella gestione del personale.

Diversi fattori concorrono a creare un luogo di lavoro il “miglior posto”: variabili soggettive (età, aspirazioni future, stabilità economica, prospettive di carriera, vicinanza alla propria famiglia) ma anche elementi immateriali e relazionali (sensazione di progredire, riconoscimento di sé e dei risultati ottenuti).

Per quanto riguarda il genere femminile i dati mostrano che sarebbe già auspicabile entrare nel mondo del lavoro, ricevere un equo compenso e non essere molestate durante lo svolgimento dell’attività professionale. 

Quindi quali sono i migliori posti di lavoro per le donne? Nella classifica la presenza e la rilevanza maggiore è data a progetti family friendly che promuovono la possibilità di organizzazione e realizzazione professionale anche per le madri, ancora più necessario nel momento attuale di gestione della pandemia Covid-19.

Una delle sfide del futuro è quindi un’organizzazione del lavoro che consenta di coniugare maternità e professionalità e ora che il lockdown si avvia verso la conclusione si può cominciare a ragionare sulle innovazioni (smart-working, nuove collaborazioni) che possono portare alla creazione di “ottimi luoghi di lavoro” anche per le donne e per le madri.

Consulta l’articolo in versione integrale

Scopri la classifica dei migliori posti di lavoro in Italia nel 2020 https://www.greatplacetowork.it/classifica-best-workplaces/italia/2020

Indice

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Guide

Potrebbe interessarti anche

Perché vuoi lavorare qui?

Questa domanda ha lo scopo di sondare la motivazione che ti spinge a candidarti per quell’azienda per verificare se si tratta di un semplice “mi serve un lavoro” oppure “voglio fare QUESTO lavoro!”