Bonus a favore dei soggetti con figli a carico

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su telegram

Indice

Chi può fare domanda?

Famiglie con figli minori di 18 anni o figli con disabilità (anche se maggiorenni).
Con famiglia anagrafica si intende quella risultante dallo stato di famiglia: i membri quindi devono coabitare e avere dimora abituale nello stesso Comune. Comunque, la domanda dovrà essere presentata dal genitore presso il quale il minore o il figlio disabile abita.
Con disabile si intende il cittadino a cui è stata riconosciuta la condizione di disabilità di cui alla legge n. 104/1992 ad opera dell’apposita Commissione, valida alla data di presentazione della domanda, indipendentemente dalla percentuale di invalidità riconosciuta.

Quali sono i requisiti?

La famiglia anagrafica deve avere reddito lordo complessivo per l’anno d’imposta 2018 inferiore a 30.000€ (modello unico 2019 o 730/2019). Con due o più figli a carico, il reddito lordo complessivo non deve superare 40.000€ per l’anno d’imposta 2018. 
Nella domanda online, bisogna indicare il reddito lordo per l’anno d’imposta 2018.

  • Per chi ha presentato il modello Unico: la somma degli importi indicati nei seguenti righi della dichiarazione:
    Quadro RN – rigo RN1 colonna 1 – “reddito di riferimento per agevolazioni fiscali”.
    Quadro LM – rigo LM6 o rigo LM34 colonna 3 – “redditi regime dei minimi o dei forfettari”.
  • Per chi ha presentato il modello 730:il dato indicato nel quadro 730-3 – Rigo 137 – “reddito di riferimento per agevolazioni fiscali”: colonna 1 per il reddito dichiarante, colonna 2 per il reddito coniuge.
  • Per chi ha presentato la Certificazione Unica: la somma dei righi 1-2-3-4-5.

Indennizzo

100 € per ogni figlio, per ciascun mese di marzo e aprile.

Domande frequenti

  1. Il Bonus regionale a favore dei soggetti con figli a carico è cumulabile con le misure previste dal Decreto Cura Italia di cui al D.L. 17 marzo 2020 n.18 ? Sì il bonus è cumulabile.
  2. Nel caso il richiedente per l’anno 2018 fosse stato esentato dalla presentazione sia del modello 730 che del “modello Redditi” (ex “modello Unico”), è possibile indicare il reddito indicato nella Certificazione Unica 2019 redditi 2018? Ai fini della verifica del requisito reddituale per accedere al bonus, vanno sommati i redditi soggetti a tassazione ordinaria indicati nella o nelle CU2019 redditi 2018, più l’eventuale reddito rivalutato di tutte le tipologie di fabbricati non locati.
  3. Cosa si intende con il termine “famiglia anagrafica” ai fini della verifica del requisito di reddito per il bonus? Per famiglia anagrafica, cui si riferisce il calcolo del reddito lordo complessivo, si intende l’insieme di persone legate da vincoli di matrimoni, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi. I membri devono coabitare e avere dimora abituale nello stesso Comune. La composizione della famiglia anagrafica è, pertanto, quella che risulta dallo stato di famiglia. I redditi che rilevano sono relativi all’anno 2018 e riferiti ai componenti lo stato di famiglia alla data di presentazione della domanda.
  4.  Nel caso di un genitore ad oggi separato e non più ricompreso nello stato di famiglia, che avesse presentato, per l’anno 2018, una dichiarazione dei redditi congiunta con quella dell’ex coniuge, a quale reddito deve far riferimento per sapere se è un soggetto beneficiario del bonus?All’interno del 730 congiunto è possibile identificare i redditi dei singoli coniugi, il parametro da considerare è quello del reddito del genitore collocatario, ovvero colui presso il quale il/i minore/i o il/i disabile/i ha/hanno fissato la residenza anagrafica alla data di presentazione della domanda di bonus.
  5. Nel caso di un nucleo famigliare composto da tre figli di cui due maggiorenni e uno minorenne, qual è la soglia del reddito per beneficiare del bonus? Ai fini dell’individuazione del limite di reddito previsto al comma 1 dell’articolo 10 della l.r. 5/2020, sono considerati figli a carico tutti i figli, anche maggiorenni, fiscalmente a carico, componenti la famiglia anagrafica. Esempio:
    A.        Nel caso di un nucleo famigliare composto da tre figli di cui due maggiorenni fiscalmente a carico e uno minorenne, il limite reddituale per l’anno 2018 è di 40.000 euro.
    B.        Nel caso di un nucleo famigliare composto da tre figli di cui due maggiorenni – NON fiscalmente a carico – e uno minorenne, il limite reddituale per l’anno 2018 è di 30.000 euro.
    Ai fini del calcolo del reddito complessivo della famiglia anagrafica, vanno sommati tutti i redditi dei componenti, quindi anche gli eventuali redditi dei figli maggiorenni a carico e non a carico.
  6. Nel caso di una mamma che è compresa all’interno dello stato di famiglia dei suoi genitori, di cui risulta a carico perché attualmente non lavora, può fare la domanda? Sì, può fare la domanda previa verifica del requisito del reddito dovranno essere considerati i redditi dei due nonni.
  7. Nel caso di genitori separati o divorziati, chi deve presentare la domanda di bonus? A presentare domanda dovrà essere il genitore collocatario, ovvero colui presso il quale il/i minore/i o il/i disabile/i ha/hanno fissato la residenza anagrafica;
  8. Il codice IBAN da indicare nella domanda di bonus deve essere riferito ad un conto intestato al genitore richiedente? Sì.
  9. Nel caso di minori neonati nei mesi di marzo e aprile vengono distinti i seguenti casi:
    b.1_nato nel mese di marzo, indipendentemente dal giorno di nascita, il bonus è erogabile sia per il mese di marzo che per il mese di aprile per l’intero importo mensile;
    b.2_nato nel mese di aprile, indipendentemente dal giorno di nascita, il bonus è erogato solo per il mese di aprile per l’intero importo mensile;
  10. Nel caso di figli che hanno raggiunto la maggiore età nei mesi di marzo e aprile vengono distinti i seguenti casi:
    c.1_diventato maggiorenne nel mese di marzo, indipendentemente dal giorno di nascita, il bonus è erogato solo per il mese di marzo per l’intero importo mensile;
    c.2_diventato maggiorenne nel mese di aprile, indipendentemente dal giorno di nascita, il bonus è erogato sia per il mese di marzo che per il mese di aprile per l’intero importo mensile.

Supporto

Call center  800 006 300 – tasto 3
Orario: dal lunedì al venerdì 9.00-12.00 / 14.00-17.00

Procedura per fare domanda

E’ possibile presentare domanda per il bonus a favore dei soggetti con figli a carico dal 29 Aprile 2020, a partire dalle ore 12.00.

Le domande sono accolte in ordine cronologico di presentazione e potranno essere presentate fino al 31 luglio 2020.

Guarda la video procedura per la registrazione e l’invio della domanda

Istruzioni registrazione

Procedura

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Indice